ARTE & CULTURA

30 settembre 2011

Raccontami l'Umbria/Stories on Umbria

di Antonio Carlo Ponti

Centoventi pagine, elegantemente illustrate, allineano i “testi” di articoli, apparsi sulla carta stampata, in rete o in Tv, prescelti fra quelli dedicati all’Umbria fra 2010 e prima metà dell’anno corrente, e sottoposti per un riconoscimento al giudizio di una giuria.

L’iniziativa, meritoria, inserita dal 2009 come segmento interessante e importante nel ‘Festival Internazionale del Giornalismo’ che si svolge a Perugia con grande e inaspettato successo, intende premiare contributi giornalistici che, raccontando aspetti economici, la bellezza, l’accoglienza, la storia, l’arte, il paesaggio dell’Umbria, ne diffondono il brand in Italia e nel mondo; e per usare ancora l’inglese - l’esperanto contemporaneo, il cinese però è ad portas -, di  documentare l’ happiness di vivere l’Umbria, di vivere in Umbria.

Il bell’album, dunque, contiene 16 articoli, fra premiati e degni di pubblicazione, scelti fra i 58 presi in considerazione, autori giornalisti di testate italiane e straniere (rispettivamente 42 e 16); a riprova dell’attenzione che l’Umbria esercita per le sue attrattive, molteplici e davvero numerose, purtroppo sfruttate dal lato turistico al di sotto delle potenzialità. Pleonastico dire che l’ambiente e i suoi connessi è la vera risorsa della regione; questo senza mitizzarne la forza né sottostimarne il ‘pericolo’ di un’affluenza di massa. Sembra di capire, leggendo o scorrendo le pagine di questo libro, stilato nei suoi testi con leggerezza, senza ambizioni di completezza, come si conviene del resto a pezzi giornalistici destinati per propria natura all’effimero, che l’Umbria goda di appassionati esegeti  e di eccellenza nelle suoi aspetti odierni, ed è così, e allora libri e concorsi come questi sono i benvenuti per alimentare l’immagine dell’Umbria nel globo terracqueo, incrementare le visite e i soggiorni, rendere scambievoli culture e apporti, mettere in relazione istituzioni e possibilità di dialogo e di scambio, in una visione globale delle realtà e in un’ottica di pacificazione.

Aperto da una presentazione dei presidenti delle Camere di Perugia e di Terni, Giorgio Mencaroni ed Enrico Cipiccia, curato da Paola Buonomo, questo Raccontami l’Umbria/Stories on Umbria, è una buona lettura, non tanto per gli Umbri, ma per gli italiani e per gli stranieri, dagli europei agli asiatici, dagli americani agli australiani, per i quali l’Italia è quella di Michelangelo e di Dante, di Machiavelli e di Garibaldi, non quella abbastanza disastrata dei nostri giorni; ma gli italiani, lo hanno dimostrato nel corso della loro storia millenaria, sanno anche uscire dal mare in tempesta e approdare in porti tranquilli.